Valeria in versi







LE POESIE SCRITTE DA VALERIA PIZZO


Stai solamente crescendo
Non sai più chi seinè tantomeno cosa vuoi dalla tua vita;
Ogni vita ha un obbiettivo da raggiungere ma
il tuo sembra così distante..
"Se molli perdi..se continui a crederci e a lottare,vinci",dicono.
Una vita non è vita senza un sogno,
  la tua vita dipende dal tuo sogno.
Bisogna trovare la strada giusta,
non perderti in questo labirinto chiamato Vita.
                                  V.P










Il nascondiglio del tuo cuore

Che trovi dentro il ltuo cuore?
quel muscolo così misterioso che a volte,non ti fa trovare le risposte che cerchi
bisogna cercare così tanto lì dentro per
trovare ogni affermazione ad ogni domanda.
Perchè,il cuore le sue risposte le custodisce.
Non puoi cercarle in nessun'altra parte se non nel tuo cuore.
Ogni sogno da realizzare è proprio nascosto lì,nel tuo cuore...
starà a lui scegliere il momento giusto per far trovare quello che hai sempre cercato.
    V.P





La piuma


Renée Magritte"Great family"


Mi sento così...sospesa in aria
come una piuma,
tremolante sull'infinito:
leggera, spensierata, senza rimpianti

che le uccidono l'anima.

Lei, riesce a superare un percorso pieno di ostacoli

di dolori...paure.

Lei ha la forza che manca noi ,

e anche dopo aver perso qualche penna


va avanti più forte di prima:
proprio ciò che non riusciamo a fare noi.
Una piuma è viva e leggera.
Ci insegna la forza della vita.

                                                         V.P


Ciò che rimane





Ciò che si vive adesso domani sarà un ricordo.La vita non sarà altro che ieri,la vita non sarà altro che il passato,la vita non sarà altro che un ricordo.Quello che si vive adesso,domani,sarà un ricordo che sfiorerà il tuo cuore,la tua mente..Come un bocciolo di fiore:Il ricordo è un fiore che nasce e che non vuole più appassire .I ricordi sono capaci di far rigare gocce d'acqua salata sul tuo viso,gocce prese dall'oceano,dall'oceano che è la tua vita,perchè un ricordo è una goccia di vita...oppure un ricordo può far diventare il tuo cuore più grande con una grande luce dentro,quella luce,illuminerà il resto della strada che percorrerai,illuminerà il tuo resto di vita,illuminerà le strade oscure che ti si presenteranno .Il ricordo è ciò che rimane per sempre nella tua vita.











V.P.





Qualcosa di più di quel che sembra
(una poesia scritta per  la giornata dell'albero a cui ha partecipato la nostra scuola)


Un celebre dipinto di Salvador Dalì
Qualcosa di più è la natura di quel che sembra,
un altro mondo sotterraneo sotto i nostri piedi,
tutto più verde, con più vita.
Ciò che forse manca nel mondo a noi noto:
animaletti che parlano come nelle favole,
farfalline che svolazzano libere di qua e di là,
coccinelle che cercano qualcuno a cui portare fortuna
e piccoli fiori che nascono e non vogliono più appassire.
Dei fili intrecciati si vedono nella terra sotterranea:
è la radice di un uomo, di cui a volte non ci accorgiamo.
Con la sua gran parrucca verde che buffo può sembrare.
Si chiama "Albero" quell'essere che sta male
quando lo disprezziamo ed è felice quando lo curiamo.
Quell'essere che chiamiamo albero
è un dono, un dono della Natura.


V.P.

In questa sezione vogliamo raccogliere le nostre poesie e i nostri pensieri poetici liberamente composti.

Renée Magritte: "Il vestito di notte"

La luna

La luna. Chissà cos'è davvero, la luna.
Un nome così piccolo che rispecchia qualcosa
di fin troppo grande.
Quant'è bella la luna,
che spicca nella notte così nera..così oscura.
Scorri gli occhi e continui a crederti senza speranza
in una vita buia, senza nessuna luce...
Abbassi gli occhi, fai un gran sospiro e li rialzi,
ed ecco brillare un qualcosa, nel nero fondo del cielo:
è proprio lei, la luna, così piccola ma così grande.
Sembra priva di una parte di se, ma presto si completerà,
perché quella parte mancante è promessa di felicità.


V.P.



Un'opera di Renè Magritte
Il cielo

Mi fermo qui, su un gradino,/
a guardare ciò che un Dio ci ha donato/ a osservare ciò che ho sempre visto con altri occhi,/ciò che ho sempre guardato /

in modo superficiale,/
in un modo non appropriato./

Chiudo gli occhi e alzo il viso verso l'alto/

e mi ritrovo in un altro mondo:/

una distesa di celeste ritrovo su di me:/ 

sembra il mare, il mare calmo, limpido, pacifico./ 
Ma il mare non può trovarsi in alto, penso.../ 
Quella distesa di azzurro mi affascina,/ mi sento sulle nuvole, nel mondo opposto/ a quello che esiste davvero/ 


Quasi gli regalerei il nome “cielo”,/  un nome così soffice e morbido come lo zucchero filato./ 

Il cielo,a volte sembra capirti./ 

Quando tu piangi dentro e nessuno se ne accorge,/ arriva il cielo e ti dona la pioggia, / 

come se fossero le tue stesse lacrime./ 
Il cielo è quel qualcosa che ci unisce perché in fondo,/ se siamo sotto lo stesso cielo, / 


non siamo poi così lontani.
V.P.






Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.